Banconote, la vecchia 1000 lire vale un tesoro: basta trovare questo numero

Banconote mai dimenticate che possono rappresentare all’improvviso il sogno dei collezionisti di tutto il mondo.

Quante volte abbiamo immaginato di ritrovarci in casa esemplari di monete, banconote o magari francobolli di un certo valore. La verità è che spesso tali condizioni possono anche di fatto concretizzarsi, ma poi, siamo sicuri di saper leggere la dinamica stessa? Cosa rende speciale un esemplare comune o meno. Gli elementi da prendere in considerazione sono davvero tanti. Conoscerli può aiutare a capire, davvero, di cosa si sta ragionando.

1000 lire Montessori
Eco di Milano

In merito a tale riflessione è giusto considerare quello che in qualche modo, oggi, rappresenta il contesto collezionistico stesso. Ci troviamo di fronte, in questa particolare fase a un qualcosa di assolutamente nuovo, lontano parente dello specifico contesto conosciuto magari qualche anno fa. L’elemento che ha stravolto ogni cosa è stato sicuramente l’avvento del web. La rivoluzione vera e propria che ne ha cambiato, di fatto, la stessa natura.

Oggi per un collezionista o magari per un semplice appassionato è assolutamente istantaneo l’approccio allo specifico contesto. Il web consente in fatti di avere accesso a milioni di pagine dedicate, ad esempio al collezionismo di monte o banconote. Pagine fornite di ogni singolo dettaglio riguardante i vari esemplari disponibili sul mercato, in circolazione o meno. Quindi immagini, descrizioni, confronti e chiaramente le singole valutazioni degli oggetti.

Diversa è dunque la singola esperienza del collezionista o del semplice appassionato in questione. La possibilità concreta di potersi approcciare con milioni di altri collezionisti sparsi per il mondo. Confrontarsi con loro, scambiare pareri e idee. Avere inoltre la possibilità di acquistare e vendere esemplari attraverso le specifiche piattaforme web in tutta sicurezza. Partecipare poi ad aste online o in presenza organizzate dalle stesse piattaforme.

Nello specifico, poi, chiaramente il tutto varia a seconda di quelli che sono gli esemplari esaminati, quelli di cui, in qualche modo si dispone o magari si vorrebbe disporre. Ci troviamo dunque di fronte a un contesto potenzialmente illimitato, almeno in teoria. Tra gli esemplari maggiormente richiesti troviamo ad esempio quelli appartenenti alla collezione della vecchia lira. Una moneta che ha fatto semplicemente storia nel nostro paese e non solo.

Monete e banconote ancora oggi ricercate dai collezionisti di ogni parte del mondo. Pezzi unici in alcuni casi, esemplari prestigiosi per fattura ed essenza. Tra le banconote, ad esempio, di maggiore fascino troviamo sicuramente l’ultima 1000 lire prodotta prima dell’arrivo della moneta unica europea. Il volto di Maria Montessori, protagonista dello stesso esemplare, presente su uno dei due lati, ha fatto semplicemente storia.

Banconote, il successo è nella serie: quanto vale la vecchia 1000 lire con Maria Montessori

1000 lire Montessori
Adobe

Cosi come anticipato, facciamo riferimento, quindi all’ultima 1000 lire circolata in Italia, prima dell’ingresso della moneta unica comunitaria europea. Protagonista delle illustrazioni caratterizzanti l’esemplare è Maria Montessori, educatrice e scienziata italiana, tra i personalità italiane più note e celebri in tutto il pianeta. Il volto della Montessori, cosi come anticipato è presente su uno dei due lati della specifica banconota.

Sul’altro lato troviamo, poi, un dipinto di Spadini, del 1924, dal titolo “Bambini allo studio”. In merito all’esemplare specifico parliamo di una tiratura complessiva di circa due miliardi di esemplari, per una banconota stampata dal 1990 al 1998. Un esemplare assolutamente popolare che però se tenuto in ottime condizioni di conservazione può valere regolarmente tra i 5 d i 25 euro. Discorso diverso, poi se si considerano gli specifici numeri di serie.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Facciamo riferimento in questo caso alle classiche banconote sostitutive, caratterizzate da una specifica lettera a inizio serie, la X. Da segnalare, le serie che iniziano per XA A, XB A, XC A, XD A. Nel caso specifico parliamo di valutazioni che arrivano tranquillamente a 200 euro per esemplare. Pezzi assolutamente unici, insomma, che ancora oggi dettano legge nel mercato complesso e incantato del collezionismo mondiale.