Russia, l’offerta di lavoro che ha scioccato il mondo: i dettagli della proposta

L’offerta di lavoro che arriva dalla Russia ha dei contorni inquietanti che di certo non lasciano ben sperare in vista del prossimo anno

Ecco in cosa consiste nello specifico questo lavoro e quanto si può guadagnare. Gli annunci stanno spopolando sui social e i siti russi inerenti la ricerca di una nuova occupazione.

Russia
Eco di Milano

Le offerte di lavoro in una fase critica come questa sono un po’ come l’oasi nel deserto. Per questo è bene scrutarle ed analizzarle per capire se possono essere buone per sostentarci e al contempo vivere una vita serena.

C’è però un’eccezione piuttosto raccapricciante che seppur sia a tutti gli effetti una proposta di lavoro è al contempo sconcertante vista la sua natura. Prima di rivelarla è bene specificare che riguarda la Russia e difficilmente si potrà candidare qualcuno che non è residente nel paese sovietico.

Russia: qual è la proposta di lavoro sconvolgente? Tutti i dettagli

Ma non rammaricatevi, non vi perdete nulla, anzi ne guadagnate in salute. In pratica su diversi siti e social russi stanno girando delle offerte con salari piuttosto alti per andare a scavare trincee e costruire fortificazioni nelle zone occupate dell’Ucraina e nella zona di confine di Belgorod.

A riportare la notizia è stato il sito indipendente Meduza, che ha svelato anche le cifre di questo assurdo rapporto lavorativo. Gli stipendi mensili per gli scavatori di trincee sono tra gli 89mila e 258mila rubli (ovvero tra 1400 e i 3700 euro circa). A ciò vanno aggiunti vitto, alloggio e trasporto completamente gratuiti.

La maggior parte di questi annunci è riconducibile alla compagnia StroiKom, che sul suo sito vanta anche la costruzione del ponte della Crimea, dell’aeroporto di Sochi e di altre grandi costruzioni sparse sull’intero territorio russo.

Naturalmente c’è chi lecitamente diffida da ciò e scoraggia le persone ad accettare, in particolar modo gli ex dipendenti della società che senza troppi fronzoli esclamano: “Non fatevi tentare, scappate via. Non importa quanto denaro di offrano”.

Purtroppo però per la legge dei grandi numeri, qualcuno si farà tentare visto il lauto guadagno. C’è anche chi magari sarà costretto per via di una situazione economica deficitaria che non gli consente di poter rifiutare. Davvero triste da pensare.

Insomma, un chiaro segnale che la tanto sospirata pace tra Mosca e Kiev non è poi così vicina come spesso si è ipotizzato. Anzi, con questa “proposta di lavoro” si apre un altro capitolo di un conflitto già finora abbastanza sanguinoso.

Impostazioni privacy