26.6 C
Milano
venerdì, Settembre 17, 2021

Buy now

Plaunac: equivalente, prezzo, ritirato, opinioni

Plaunac, a cosa serve

In Italia, così come in altre parti del mondo, il governo ha avviato una campagna di informazione e prevenzione diretta alla pressione arteriosa. Quest’ ultima infatti affligge tante persone le cui giornate sono scandite da un continuo ricorso allo sfigmomanometro a mercurio, strumento medico usato per la misurazione della denominata “pressione”. Una sorta di “sentenza” nei valori in base alla quale devono essere prese decisioni mediche importanti che possono salvare  la vita degli individui che ne soffrono. Il Plaunac è uno di questi strumenti salvavita. Infatti le suddette compresse vengono usate per tenere sotto controllo eventuali casi di “pressione alta” ed eventualmente porvi rimedio. Ad oggi è uno delle soluzioni più efficaci e adottata da molti medici.

Plaunac, come si usa

E’ ovvio che questo farmaco non può essere usato in maniera indiscriminata e senza regole. Sarebbe una follia che provocherebbe nei soggetti danni irreversibili. Infatti anche per il Plaunac è importantissimo seguirne la prescrizione medica e soprattutto i dosaggi consigliati dal medico per ridurre la pressione arteriosa. Molto spesso si parte da un dosaggio minimo, circa 10 mg una volta al giorno, ma a volte non è sufficiente. In  quest’ ultimo caso si può procedere ad un aumento di circa 20 mg sempre una volta al giorno. Questo “passaggio ulteriore ” va ricordato che deve essere fatto solo in determinate situazioni in cui il primo dosaggio è inefficace. Si possono verificare anche eventi  in cui il dosaggio di Plaunac può essere aumentato a circa 40mg. Se si verifica questa eventualità molto spesso alle compresse farmaceutiche in questione può associarsi una terapia con Idroclorotiazide. Va detto che quest’ ultimo esempio è il più estremo e si verifica in maniera rara.

Gli effetti a seguito dell’ assunzione del plaunac

Le compresse Plaunac sono composte dal principio attivo denominato  OLMESARTAN MEDOXOMIL e, ricordiamolo ancora una volta, appartengono al gruppo dei farmaci dedicati alla riduzione della pressione arteriosa. Detto questo, passiamo all’ osservazione delle conseguenze e degli effetti derivanti dall’ assunzione del farmaco. I risultati sostanzialmente si vedono nell’ arco delle due settimane dalla prima data dell’ assunzione  da parte dell’ utente. Il “picco” che ne determina la piena realizzazione viene raggiunto dopo 8 settimane. Queste indicazione temporali sono determinanti per capire se il paziente dovrà continuare con la terapia adottata o quest’ ultima dovrà essere cambiata aumentando o diminuendo il dosaggio.

Olmesartan ritirato, cosa sappiamo

Nel 2019 l’ Olmesartan medoxomil è stato ritirato temporaneamente dal commercio a seguito di verifiche da parte dell’ Aifa riguardo sostanze cancerogene presenti. L’ elenco sottoposto allo studio dell’ Autorità Italiana del farmaco comprendeva circa 942 lotti di farmaci  composti da principi attivi quali Candasartan, Losartan, Valsartan e appunto Olmesartan. Ipertensivi sartani che sono stati “sequestrati” per consentire l’ accertamento  di eventuali impurezze cancerogene. Bisogna sottolineare che a seguito della valutazione dell’ EMA, l’ agenzia Europea per i medicinali, si è stabilito che il rischio di cancro per i pazienti che hanno assunto medicinali a base di Olmesartan sia notevolmente “basso”, scagionando il farmaco e la causa farmaceutica che lo produce. Ad oggi il Plaunac è uno dei farmaci più sicuri nel trattamento dell’ ipertensione arteriosa e dell’ insufficienza cardiaca.

Related Articles

Allenarsi da casa?Ecco quali sono le migliori app

A causa del lockdown molti hanno preferito allenarsi a casa e l'hanno reputato persino gradevole. In principio non si credeva fosse possibile e le...

Pane senza lievito? Ideale per le intolleranze

Avete mai provato la ricetta del pane senza lievito? E' ottima per chi è intollerante al lievito e assolutamente rapida e veloce. Buona anche...

Cambiare le abitudini alimentari? Meglio in due

Il detto "chi fa da se fa per tre" non sempre è valido. Secondo uno studio condotto da Lotte Verwely del Dipartimento di Cardiologia...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

22,291FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -

Latest Articles

Allenarsi da casa?Ecco quali sono le migliori app

A causa del lockdown molti hanno preferito allenarsi a casa e l'hanno reputato persino gradevole. In principio non si credeva fosse possibile e le...

Pane senza lievito? Ideale per le intolleranze

Avete mai provato la ricetta del pane senza lievito? E' ottima per chi è intollerante al lievito e assolutamente rapida e veloce. Buona anche...

Cambiare le abitudini alimentari? Meglio in due

Il detto "chi fa da se fa per tre" non sempre è valido. Secondo uno studio condotto da Lotte Verwely del Dipartimento di Cardiologia...

Piatti saporiti per mantenersi in forma: dal pesce al forno alla vellutata

Quali possono essere i piatti più indicati per mantenere la linea, concedendosi comunque il piacere di una pietanza gustosa e saporita? Mantenersi in forma...

C’è vita su Venere? Le ipotesi e le recenti scoperte della scienza

C’è “vita” su Venere? Un’ipotesi affascinante e, fino ad oggi, ritenuta impossibile date le infernali condizioni climatiche del gemello rovente della Terra. Uno studio...