Riscaldamento: un trucco semplice per risparmiare

I mesi più freddi dell’anno sono alle porte e il riscaldamento potrebbe diventare la spesa principale delle famiglie italiane.

Le bollette del gas non accennano a scendere nonostante la materia prima stia calando di prezzo ormai da mesi.

riscaldamento
Eco di Milano

È l’effetto della crisi energetica e degli acquisti di gas fatti in un momento in cui i prezzi erano estremamente alti. Anche a gennaio le bollette del riscaldamento degli italiani saliranno, ma l’ENEA ha diffuso un decalogo per risparmiare. In esso è nascosto un trucco che con pochi euro permette di rendere i propri termosifoni molto più efficienti e non disperdere calore inutilmente. Ecco come fare a risparmiare sul riscaldamento.

Crisi energetica e prezzo del gas: perché le bollette non scendono?

La crisi energetica che ha colpito l’Europa sembra in via di risoluzione. La tempesta perfetta che a luglio aveva portato i prezzi del gas oltre i 300 euro al MWh sembra alle spalle. Nel corso del 2022 infatti due condizioni avverse avevano portato il mercato del gas naturale ad impazzire, in una corsa al rialzo che sembrava senza fine. Prima la crisi del commercio mondiale aveva posto fine ad anni di energia a basso prezzo. Poi le tensioni con la Russia a causa della guerra in Ucraina avevano portato i paesi europei a riempire i propri stoccaggi in vista dell’inverno.

L’autunno mite e l’inizio di inverno caldo hanno mantenuto le scorte piene, e il prezzo del metano è tornato ai livelli precedenti alla guerra in Ucraina. Ha aiutato anche la netta riduzione dei consumi che in alcune parti d’Europa ha raggiunto il 50%. Il prezzo rimane comunque alto, ma sotto controllo, mentre i paesi europei hanno stoccaggi già pieni per la prossima stagione fredda. Così il prezzo del gas è tornato sotto i 100 euro al MWh, e anche senza le forniture russe la situazione sembra essersi calmata.

Una buona notizia che però non sembra essersi riflessa sulle bollette degli italiani. Anche a gennaio il costo del riscaldamento delle case ha continuato a salire. La bolletta di dicembre ha fatto registrare aumenti per il 23% rispetto al mese precedente. Perché il prezzo della materia prima abbia effetto bisognerà probabilmente aspettare la fine di gennaio. Dal primo mese del 2023 infatti i costi si aggiorneranno e anche i consumatori potranno giovare del calo del prezzo del gas.

I consigli dell’ENEA per risparmiare sul riscaldamento

Il riscaldamento continua ad aumentare di prezzo. Per questa ragione ENEA, l’Agenzia Nazionale per l’Energia, le nuove tecnologie e lo sviluppo sostenibile, ha diffuso un decalogo del risparmio con alcuni consigli su come comportarsi durante il periodo invernale. Tra gli accorgimenti più di buon senso, come l’abbassamento della temperatura o la manutenzione degli impianti per assicurarne l’efficienza, spunta un consiglio facile da mettere in pratica, poco costoso e che può permettere di risparmiare.

I termosifoni, con cui sono ancora riscaldate buona parte delle case italiane, non sono direzionali. Irradiano calore ovunque, anche nella direzione del muro a cui sono attaccati, spesso un muro esterno. Per impedire che questo calore vada disperso, a scaldare un muro già freddo per il contatto con l’aria invernale, si può mettere dietro al calorifero uno strato di materiale rifrangente, che rifletta il calore verso l’interno della casa. Esistono soluzioni apposite, ma in mancanza di altro si può utilizzare anche la carta stagnola da cucina, che ha lo stesso effetto.