La notifica Amazon che fa tremare gli utenti: attenzione, vi rubano tutto

Non c’è pace per i cittadini italiani, questo il ritornello che siamo ormai stanchi di ripetere. Il web è ancora pieno di rischi, più che mai.

La realtà dei fatti ci dice che gli italiani, oggi, non devono combattere soltanto con la precarietà del momento attuale, con tutto ciò che abita il quotidiano, quello che fisicamente possiamo toccare con mano. Il quotidiano, per l’appunto, la difficoltà di fare la spesa a causa dei prezzi ormai troppo alti per la maggior parte dei cittadini. Benzina, diesel, gas e metano inaccessibili, bollette raddoppiate ed anche di più, una situazione realisticamente drammatica.

assegno unico senza isee
adobe

La realtà insomma è già di per se complicata, per i cittadini italiani e non solo per loro però non è tutto, purtroppo. C’è un nemico tecnicamente invisibile che negli ultimi anni ha fatto molti più danni di quanti si potessero immaginare, stiamo parlando del web. In quello specifico contesto, infatti, non si contano le dinamiche di natura truffaldina che possono di colpo cambiare in negativo l’esistenza di qualsiasi utente. Dalla sottrazione di dati personali a quella di denaro dai conti correnti o carte prepagate forniti.

L’approccio all’utente avviene in linea di massima seguendo il solito consolidato schema, mail o sms. La vittima potenziale si troverà quindi di fronte un contenuto dal testo accattivante che avrà il compito di proiettare l’attenzione di chi legge su ciò che in qualche modo si vuole comunicare. Da questo momento, in un certo senso, inizia la messa in scena. Si farà riferimento ad un improbabile premio conquistato attraverso un concorso al quale l’utente in questione nemmeno sa di aver partecipato, ad esempio.

La possibilità di ottenere un buono sconto per questo o quell’altro store di fama mondiale, un buono spesa da utilizzare per il nostro shopping on line, contenuti belli forti insomma. Ma non solo. Un pacco che non riesce a trovare il legittimo destinatario, cioè la stessa potenziale vittima, oppure ancora una problematica qualsiasi legata al proprio istituto di credito, a dinamiche inerenti l’Inps o l’Agenzia delle Entrate, o magari all’utilizzo del proprio SPID. Il tutto occorrerà a consentire alla vittima di inserire i propri dati personali attraverso una pagina fake, collegata all’immancabile link sottostante. Dati che chiaramente saranno sottratti dal truffatore di turno.

Chiaramente, i soggetti apparentemente mittenti in tali tipologie di comunicazioni sono all’oscuro di tutto e risultano anch’essi vittime inconsapevoli di raggiro, per quel che riguarda i successivi danni all’immagine. Non solo dati personali, ma anche disponibilità presenti su conti correnti o carte prepagate. Questo perchè in qualcuna di queste dinamiche citate sarà richiesto magari di provvedere al pagamento di spese di spedizione, o magari di riaggiornare le proprie credenziali. A quel punto per la vittima prescelta il danno sarà enorme.

In ordine di tempo, l’ultima truffa segnalata con insistenza alla Polizia Postale riguarda una fantomatica comunicazione da parte di Amazon, azienda nota in tutto il mondo per lo shopping on line. Nel caso specifico, infatti, si segnala una problematica relativa al proprio account che risulterebbe di fatto bloccato. La truffa in questione sta facendo in brevissimo tempo il giro del web rischiando di diventare più che mai pericolosa per gli utenti.

La notifica Amazon che fa tremare gli utenti: la presunta comunicazione dell’azienda

Truffa Amazon
Web

Nella fantomatica comunicazione si parla infatti di account sospeso per questioni di sicurezza. Si chiede inoltre di inserire nuovamente le proprie credenziali e le proprie informazioni personali per passare alla riattivazione dello stesso account. Chiaramente il tutto è falso e per constatarlo sarebbe necessario controllare lo stesso accesso al sito web o all’app in questione. In questo caso, il malintenzionato di turno provvederà una volta inserite le informazioni richieste a rubarla per poi utilizzarle nel caso di nuovi raggiri.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il rischio insomma è realisticamente enorme, non è certo piacevole vedersi sottratte informazioni personali che possono letteralmente fare a vostra insaputa il giro del web. Massima attenzione insomma e mai fidarsi di contenuti ambigui e senza apparente logica.