Gratta e vinci, la fortuna bacia la nuova star della città: non è la prima volta

Una giocata davvero straordinaria in un momento storico estremamente complicato. Si vince e lo si fa nel migliore dei modi.

In questa tribolata fase storica nel nostro paese si respira sicuramente un’aria molto pesante. La crisi sta letteralmente devastando quel briciolo di equilibrio e presunta tranquillità che gli ultimi mesi sembrava stessero offrendo agli stessi cittadini. Nel caso specifico si riscontrano numerose problematiche quotidiane mai e poi mai considerate prima d’ora.

vincita lotto
adobe

Vincere in questa particolare fase storica è probabilmente l’unica seria arma in pugno dei cittadini per provare in qualche modo a far saltare il banco del destino, che di certo nel preciso momento storico non è proprio dalla parte di chi vive con poco. Gli strazi quotidiani, le difficoltà costanti nel gestire il bilancio familiare, fanno pensare a questo che viviamo come uno dei momenti più spiacevoli e terribili degli ultimi anni. Tempi bui insomma.

Di questo passo i cittadini non potranno fare altro che sperare, nel vero senso della parola di trionfare in qualcuno dei concorsi più seguiti nel nostro paese. Non c’è altro modo per mettere le mani su una somma di denaro consistente nel giro di pochissimo tempo. Qualcosa che in qualche modo possa fare cambiare le carte in tavola, invertire il corso degli eventi, arrivare ad un domani privo di preoccupazioni e ricco di serenità e speranza.

Lotto, Gratta e vinci, Superenalotto, in questo specifico caso, gli italiani ultimamente non fanno altro che seguire queste tre particolari dinamiche. Su tutte, forse la terza, il Superenalotto, ad oggi è quella più assiduamente celebrata. Il motivo è nel jackpot messo a disposizione in caso di “6” vincente. Quasi 300 milioni di euro, parliamo di una cifra mai vista nel nostro paese in venticinque anni di “attività” del concorso in questione.

Per avere una idea di quanto sia in effetti quasi spropositata la somma di denaro in palio basti pensare, che fino a questo momento la vincita più alta mai registrata è stata quella di Lodi nel 2019. In quella occasione al fortunato giocatore andarono ben 209 milioni di euro. L’ultima affermazione invece risale al maggio del 2021, quando a Montappone, nelle Marche, un fortunato giocatore riuscì a conquistare il “6” da ben 156 milioni di euro.

Gratta e vinci, la fortuna bacia la nuova star della città: al vincitore in questione ben 200mila euro

Vincere insomma, la parola d’ordine degli italiani, nel campo del gioco è sicuramente questa. Provare a sfidare a più riprese la dea bendata sperando di riuscire a strappare quell’attenzione tale da rendere la condizione di chi gioca quella del trovarsi nel posto giusto al momento giusto. La sfida è di fatto questa. Vincere è possibile ma estremamente difficile. Le ultime notizie di cronaca in tal senso possono di certo far ben sperare gli italiani.

Una vincita davvero straordinaria è stata segnalata negli ultimi giorni ad Alcamo, in Sicilia. Protagonista un biglietto Gratta e vinci acquistato presso la ricevitoria del Canalotto. Al fortunato vincitore, o alla fortunata vincitrice, il dubbio è chiaramente sancito dall’anonimato in merito, un premio da ben 200mila euro. Tra l’altro, stando a quanto raccontato dai numerosi cittadini e non solo, non è la prima volta che in quella particolare ricevitoria si consumano vincite assolutamente di grande prestigio.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Si vince, insomma, e quando succede lo si fa anche in modo abbastanza significativo. Oggi più che mai i cittadini hanno bisogno di speranza ed in tal senso la speranza può arrivare paradossalmente esclusivamente dal gioco, chiaramente praticato con la dovuta moderazione. Oggi, considerate quelle che sono le condizioni, vere e proprie del nostro paese, l’arrivo di una vincita, dalle proporzioni, per cosi dire importanti non potrebbe far altro che rassicurare il cittadino medio. Un futuro economicamente sereno, equilibrio, zero preoccupazioni, il massimo insomma.