Tempi di pagamento del Bonus 150: quando e come arriveranno i soldi

In arrivo il pagamento del Bonus 150 euro previsto per il mese di novembre. Scopriamo le date e le modalità di erogazione.

Il Decreto Aiuti Ter ha stabilito il versamento di un Bonus dal valore di 150 euro ai cittadini con redditi fino a 20 mila euro.

pagamento Bonus 150 euro
Canva

Per sostenere i cittadini contro l’inflazione il vecchio esecutivo ha previsto l’erogazione di 150 euro a circa 22 milioni di persone. Le intenzioni dello Stato sono chiare anche se servirebbero interventi strutturali su stipendi e pensioni che possano alleggerire concretamente e a lungo il peso che grava sulle spalle degli italiani. Le entrate mensili, infatti, sono sempre meno utili a coprire le spese dettate dall’aumento del costo della vita. In attesa di importanti cambiamenti, i cittadini si ritroveranno 150 euro in più a condizione che il reddito sia inferiore a 20 mila euro. Si tratta di un nuovo Bonus che raccoglie l’eredità del Bonus 200 euro con qualche piccola ma significativa modifica. La platea dei beneficiari è più stretta, l’importo è minore mentre le categorie di beneficiari sono rimaste le stesse.

Pagamento Bonus 150 euro, ecco le date

I primi a beneficiare dei 150 euro aggiuntivi saranno i pensionati. Il pagamento del Bonus è, infatti, previsto in associazione alla pensione che verrà corrisposta i primi giorni di novembre. Dato che il 1° novembre è festivo, dal giorno 2 i pensionati riceveranno l’accredito sul conto corrente, Libretto Postale, carta prepagata PostePay completo dei 150 euro e di altri aumenti. Chi ritira in contanti l’assegno presso un Ufficio Postale, invece, dovrà attendere il giorno di riferimento in base all’iniziale del proprio cognome. Ricordiamo, infatti, che la turnazione è ancora attiva.

L’erogazione sarà automatica senza necessità di presentazione di alcuna domanda così come per il Bonus 200 euro.

Dipendenti e altre categorie, l’attesa sarà più lunga

Una data fissa per i lavoratori dipendenti non c’è. Il Bonus verrà erogato con riferimento allo stipendio di novembre che per tante persone arriverà solo a dicembre. A riceverlo a novembre potrebbero essere solo gli statali. Inoltre, per ricevere i soldi sarà necessario aver inviato l’autodichiarazione in cui si attesta la soddisfazione dei requisiti (così come è successo per il Bonus 200 euro).

Badanti, colf, collaboratori domestici riceveranno i 150 euro tra dicembre 2022 e gennaio 2023. A pagare, infatti, sarà l’INPS e di conseguenza i tempi saranno più lunghi. I lavoratori che hanno già ricevuto il Bonus 200 euro non dovranno inoltrare nuova domanda mentre la richiesta dovrà essere inviata dai nuovi percettori.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Concludiamo con i percettori di Reddito di Cittadinanza e i disoccupati. I primi noteranno il Bonus presumibilmente sulla ricarica di dicembre mentre i secondi dovranno con molta probabilità attendere l’anno nuovo. Tempi lunghi si prospettano anche per le Partite IVA, soprattutto per quelle che tarderanno ad inoltrare domanda. Infine, entro la fine dell’anno dovrebbero ricevere il Bonus tutti gli altri percettori.