Gratta e vinci, la vita cambiata all’improvviso: “Non ci credo…”

Si vince e va alla grande. Il Gratta e vinci ancora una volta sancisce il colpo della vita. Il fortunato ha già le idee chiare.

Al giorno d’oggi vincere al Gratta e vinci può essere considerata come la più grande delle fortuna. Almeno una delle più grandi. Un vincita istantanea, la consapevolezza di poter risolvere ogni problema. Pochi secondi dal momento in cui si acquista un biglietto Gratta e vinci a quando si scopre di essere diventato improvvisamente ricco. Niente di particolarmente usuale insomma.

vincita
Adobe Stock

Vincere al gioco non è certo qualcosa che può verificarsi ogni giorno, anzi. Al giorno d’oggi le vincite capitano, si manifestano, certo, ma non si può certo dire che questa sia la più normale delle cose, una delle più abituali insomma. Vincere al giorno d’oggi è diventato una sorta di dovere considerate le ristrettezze ed i tempi di crisi che attanaglia. Vincere può portare alla speranza, la voglia di togliersi di dosso ogni difficoltà.

Quello che ogni giorno trova coinvolti milioni e milioni di cittadini, in questa particolare fase storica riguarda esclusivamente la posizione di questi ultimi all’interno della nostra società. Oggi più che mai la difficoltà, cosi come anticipato di una crisi senza precedenti, portano i cittadini a catapultarsi in una dimensione ben lontana dalla realtà. La speranza di conquistare somme considerevoli al gioco è quella che primeggia su tutte le altre dinamiche.

Ci troviamo all’interno di un contesto in cui la vincita può trasformarsi in un modo ancor più funzionale di prima nella dinamica che improvvisamente può fare della propria vita qualcosa di completamente di verso. Nel caso specifico un biglietto, uno di quelli che si acquistano in genere dopo aver fatto colazione o benzina. Pochi secondi e la consapevolezza, all’improvviso che tutto nella nostra vita è cambiato, niente sarà più come prima.

Gratta e vinci, milionario tutto ad un tratto: il vincitore ha le idee chiare su quello che farà con i soldi della vincita.

Originario dell’Ohio, il vincitore in questione ha visitato lo Stato del Michigan, li dove ha acquistato il biglietto vincente per lavoro ed alla fine si è ritrovato nella giusta ricevitoria per acquistare un biglietto del Gratta e vinci. Il luogo dell’acquisto del tagliando è stato il Gerth’s Beef & Deli a Temperance, nel Michigan, a 40 miglia a sud-est di Ann Arbor. Il concorso, invece è il Triple Million da 10 dollari. Una somma investita davvero molto bassa, insomma.

Ho lavorato in Michigan di recente – ha dichiarato il fortunato vincitore –  e mi fermo sempre nello stesso negozio per acquistare un biglietto mentre sono qui. Ho grattato il biglietto quando sono salito in macchina e sono diventato insensibile quando ho visto che ho vinto  1 milione. Non potevo credere a quello che stavo vedendo“. Incredulità ed incertezza per l’uomo dopo aver scoperto di aver vinto quella incredibile cifra, niente sarà più lo stesso per lui, poco ma sicuro.

Il vincitore in questione ha optato per la cifra forfettaria poco inferiore a 700mila euro. L’alternativa a tale scelta sarebbe stata caratterizzata da un pagamento in 30 soluzioni dell’intero importo vinto. I prossimi progetti del fortunato vincitore in questone riguarderanno l’attività immobiliare, è li che l’uomo vuole investire quanto guadagnato.. Il concorso Triple Million ha portato alla vincita, dal momento del suo esordio, di circa 35 milioni di dollari. Vincita minima di 10 dollari fino ad un massimo di 1 milione. Al momento restano da conquistare 12 milioni di dollari in premi, considerato il montepremi restante.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Un gioco insomma che fa sognare gli americani, cosi come tanti altri in quello specifico paese. Gli introiti della lotteria, inoltre, saranno utilizzati come sempre per provvedere a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Opere pubbliche, scuole, sanità e quant’altro. Alla fine ci guadagnano davvero tutti.