Gli analisti consigliano di investire in questo prodotto di Poste Italiane, rendimento garantito

Stando a quanto dicono gli esperti, gli italiani nonostante la situazione economica riescono a risparmiare, scegliendo questo strumento.

Gli italiani, da sempre popolo di risparmiatori, decidono molte volte di affidare i propri soldi ai buoni fruttiferi di Poste Italiane.

poste italiane
Adobe Stock

Certo, vista la difficile situazione economica che stiamo vivendo, mettere da parte delle somme è diventato sempre più difficile per le famiglie italiane. Ciò nonostante, gli analisti scommettono sul fatto che anche nel 2022 i buoni fruttiferi saranno protagonisti.

Le caratteristiche principali dei buoni fruttiferi di Poste Italiane

La caratteristica fondamentale per cui gli italiani si fidano nel sottoscrivere dei buoni fruttiferi postali sta nella forma di investimento. Si tratta di una formula a basso rischio a cui si aggiunge una riconosciuta solidità. Infatti, investire nel mercato azionario e obbligazionario potrebbe essere più redditizio, ma anche molto più rischioso. Inoltre, sono strumenti garantiti dallo Stato ed emessi da cassa depositi e prestiti. A questo si aggiunge che sono diffusi da Poste Italiane, azienda solida e molto presente su tutto il territorio nazionale. Da qui deriva la previsione degli analisti, che sono consapevoli che anche per il 2022 i buoni fruttiferi saranno una certezza per gli italiani.

I motivi per cui conviene sottoscrivere un buono fruttifero

Partiamo da un aspetto fondamentale. Per sottoscrivere un buono postale non è previsto alcun costo. Stessa cosa vale per il rimborso, che sarà al netto delle imposte e oneri fiscali. Per quanto riguarda gli interessi, questi saranno soggetti ad una tassazione del 12,50% e sono esenti da eventuali imposte di successione.

Quali sono i buoni postali che possono essere sottoscritti

Esistono varie tipologie di buoni postali che possono essere sottoscritte dai clienti. Si parte da quello ordinario, che prevede un rendimento annuo lordo a scadenza dello 0,30%. Per chi vuole un investimento a lunga durata, per un massimo di 20 anni e con interessi fissi e crescenti. Per passare al buono fruttifero dedicato ai minori. In questo caso, si tratta di un rendimento annuo lordo fino al 2,50%. Può essere sottoscritto dai genitori, nonni o familiari dei minorenni, che raggiunta la maggiore età potranno andarlo a ritirare. Altra soluzione, è il buono 3×4. Questo permette un rendimento annuo lordo a scadenza dello 0,50% ed una durata massima di 12 anni. Potrà essere rimborsato anche dopo 3, 6 e 9 anni insieme agli interessi maturati.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Le altre tipologie di buono da sottoscrivere

Alle tipologie già citate sopra si aggiunge il buono 4×4 con rendimento annuo lordo alla scadenza dello 0,75%. Permette di investire per una durata massima di 16 anni e può essere rimborsato anche dopo 4, 8 e 12 anni, garantendo il pagamento degli interessi maturati. Inoltre, abbiamo il 4 anni risparmio semplice. Si tratta di un rendimento annuo lordo standard alla scadenza dello 0,25%. Può essere sottoscritto da persone maggiorenni e prevede una durata massima di 4 anni. Infine, abbiamo il buono soluzione eredità. Questo prevede lo 0,75% per il rendimento annuo lordo. Può essere sottoscritto dai beneficiari di un procedimento di successione conclusosi con Poste Italiane. L’investimento avrà una durata massima di 4 anni.