Bonus 200 euro, iniziano i pagamenti: ma se si viene assunti a Luglio …

Il bonus 200 euro è uno dei sussidi più ambiti in questo periodo caratterizzato dai rincari. Andiamo a scoprire come funziona per coloro che sono stati assunti a luglio

A tal proposito esiste una casistica particolare che consente di poter ottenere il beneficio nonostante l’inizio del nuovo impiego lavorativo sia datato 1 luglio 2022.

Bonus 200 euro
Fonte Adobe Stock

Sono iniziati proprio in questi giorni i pagamenti del bonus 200 euro. Si tratta dell’indennizzo a favore dei cittadini, lavoratori o pensionati che siano con reddito basso. 

Il bonus spetta ai lavoratori dipendenti che hanno beneficiato dell’esonero contributivo pari allo 0,8% previsto dalla Legge di Bilancio 2022 nel primo quadrimestre dell’anno per almeno una mensilità.

In parole povere a chi ha uno stipendio lordo che da inizio anno è inferiore a 2.692 euro al mese. Sarà pagato direttamente dal datore di lavoro nella busta paga di luglio. Per i pensionati, gli autonomi, gli stagionali e i disoccupati è necessario un reddito al di sotto dei 35mila euro. Per colf e badanti invece non c’è limite di reddito.

Bonus 200 euro: quando spetta a chi è stato assunto dal 1 luglio

Il quesito che sta rimbalzando in questi giorni riguarda la possibilità di ottenere il beneficio anche se si è stati assunti solamente a partire dal mese di luglio. Teoricamente in base alla normativa e ai documenti ufficiali si evince che il contributo non spetta a coloro che nei primi sei mesi del 2022 non hanno avuto alcun rapporto lavorativo.

Se però si è prestato servizio anche per poco tempo e si è ottenuto l’esonero contributivo dello 0,80%, si può ottenere il bonus 200 euro. Il nuovo datore di lavoro però non può essere al corrente di ciò. Ragion per cui sarebbe opportuno integrare l’attestazione che il lavoratore deve rendere, facendogli dichiarare di aver avuto diritto allo 0,80% e di non aver chiesto il bonus ad altri.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Così facendo il datore può tranquillamente procedere con l’aggiunta del bonus 200 euro in busta paga. Dunque è bene informarsi adeguatamente per non perdere la possibilità di avere un piccolo aiuto. Alla luce di ciò che sta accadendo a livello mondiale negli ultimi mesi di certo può dare una grande mano.