Bill Gates “demolisce” le criptovalute e gli Nft: cosa ha detto davvero

Ad ascoltare il tono sarcastico e i contenuti delle sue parole, si può comprendere ampiamente, anche se molti ne erano già a conoscenza, che il rapporto tra il magnate di Microsoft, il 66enne Bill Gates, e le criptovalute, ad oggi non è certo idilliaco.

Molto più propenso, da anni, ad investimenti tradizionali e concreti, Gates giudica pericolosa e sciocca la tendenza di inseguire il sogno di fare fortuna con monete digitali o peggio ancora con disegni animati di pupazzetti e scimmiette, gli Nft, basati su teorie costruite, secondo lui, su vere e proprie sciocchezze.

Criptovalute fonte pixabay
Criptovalute fonte pixabay

Bill Gates ha così a suo modo voluto lanciare un avvertimento a chi ancora crede che la rivoluzione digitale cambierà il mondo dell’economia. E non è un caso che lo abbia fatto proprio nel momento in cui il bitcoin ha conosciuto uno dei crolli più verticali della sua storia.

Il fondatore di Microsoft Bill Gates, martedì scorso, ha affermato che i token non fungibili (NFT) sono “basati al 100 percento sulla teoria delle sciocchezze”, ovvero l’idea che le persone possano fare soldi acquistando beni sopravvalutati e poi vendendoli con profitto.

Gates, parlando alla conferenza Tech Crunch , ha affermato di non essere coinvolto nella criptovaluta e ha aggiunto di essere abituato a classi di attività molto più concrete, dove lavoro, idee profitto viaggiano di pari passo. Come può esserre “una fattoria, dove si producono prodotti di qualità o un’azienda con attrezzature efficienti, operai specializzati e una forte campagna marketing”.

Ha aggiunto che gli NFT e le criptovalute sono basate al 100% su “una specie di teoria più stupida secondo cui qualcuno pagherà per questo oggetto più di me”.

Secondo Gates, al centro del movimento cripto e NFT c’è l’anonimato che consente agli acquirenti di evitare la tassazione o le regole del governo,

Il miliardario ha anche preso di mira la raccolta “Bored Apes” di NFT di Ethereum, aggiungendo, scherzosamente e con non poco sarcasmo, che “le immagini digitali delle scimmie miglioreranno immensamente il mondo”.

Le criptovalute hanno guadagnato popolarità durante la pandemia e sono state integrate in più portafogli di asset, con banche e broker che ora offrono servizi di acquisto e custodia.

Diverse celebrità hanno anche offerto sponsorizzazioni per le criptovalute e un certo numero di loro, tra cui l’ex first lady Melania Trump, sono entrate nel mondo degli NFT.

Gates non ha mai cambiato idea sulle criptovalute, giudicandolo un investimento poco concreto e pericoloso.