Benzina, adesso i prezzi sono alle stelle: perchè stanno aumentando

Perché i prezzi della benzina continuano ad aumentare con tale costanza? Cosa sta accadendo? Non è certo una questione strettamente italiana. Nel nostro Paese il Governo le ha provate tutte, e i residui 23 giorni tagli delle accise sembrano solo un innocuo palliativo.

Partiamo da lontano, dall’economia statunitense, “regina madre” della finanza mondiale. Da lunedì, la media nazionale per un gallone di benzina normale, negli Usa, è diminuita di un centesimo a $ 5,00.

Benzina Fonte Pixabay
Benzina Fonte Pixabay

Scopriremo nell’analisi spietata di questi dati, che il prezzo alla pompa aumenta e resta altissimo a causa della diminuzione della domanda.

Secondo i nuovi dati dell’Energy Information Administration (EIA), le scorte totali di benzina nazionali sono diminuite di 700.000 bbl a 217,5 milioni di bbl la scorsa settimana.

Nel frattempo, la domanda di benzina è leggermente diminuita da 9,2 milioni di barili al giorno a 9,09 milioni di barili al giorno. Il leggero calo della domanda di gas ha contribuito a limitare gli aumenti dei prezzi alla pompa.

Tuttavia, poiché i prezzi del greggio rimangono volatili, il prezzo per gallone della benzina rimarrà probabilmente elevato.

Alla chiusura della sessione di negoziazione formale di mercoledì, il WTI è sceso di $ 3,62 per attestarsi a $ 115,31.

Una crescita economica più lenta del previsto potrebbe causare un calo della domanda di greggio, portando i prezzi a seguirne l’esempio.

I prezzi del greggio sono diminuiti dopo che la EIA ha riferito che le scorte nazionali totali sono aumentate di 1,9 milioni di barili a 418,7 milioni di barili la scorsa settimana. Di conseguenza, l’attuale livello di archiviazione è inferiore di circa il 10% rispetto a un anno fa.

Ma perché sta accadendo tutto questo?

Nella lettera di questa settimana ai capi di Exxon Mobil, Chevron, Shell, Phillips 66, BP e altri leader del settore, Biden ha scritto che l’invasione russa dell’Ucraina è stata una delle ragioni dell’aumento dei costi alla pompa.

“Non c’è dubbio che Vladimir Putin sia il principale responsabile dell’intenso dolore finanziario che il popolo americano e le sue famiglie stanno sopportando”, ha affermato. “Ma nel mezzo di una guerra che ha aumentato i prezzi della benzina di oltre $ 1,70 per gallone, i margini di profitto della raffineria storicamente alti stanno peggiorando questo dolore”.

E in Italia? La benzina anche da noi costa sempre di più. Nonostante lo sconto nazionale garantito per altri 23 giorni (ma rinnovabile ulteriormente) dal provvedimento del governo Mario Draghi, i prezzi medi dell’ultima settimana hanno superato i 2 euro, con un ulteriore crescita di ben 7 centesimi.