Monete, il gioiello: 10 lire che valgono una fortuna

Una moneta che ha letteralmente fatto la storia, esemplare assolutamente rispondente al prestigio della sua stessa moneta.

Nella maggior parte dei casi ci ritroviamo, nel campo del collezionismo, di fronte a dinamiche che non sempre conosciamo alla perfezione. In linea di massima arriva alla mente qualche ricordo di quelli che sono per cosi dire gli esemplari di monete, ad esempio, della nostra infanzia, della nostra adolescenza. Intorno a tali ricordi, quindi sarebbe possibile in qualche modo costruire una intensa indagine di quelle che possono essere le considerazioni in merito, pensare per esempio quanto quella moneta fosse rappresentativa in quel preciso momento storico.

Lire collezione
Eco di Milano

Questo e altri modi, la contestualizzatone insomma, possono determinare il valore attuale di una speciale moneta. In linea di massima gli elementi oltre a quello citato possono essere la precisa data di conio, il soggetto rappresentato, la presenza eventuale di errori di conio, di difetti insomma, la tiratura, la possibile appartenenza a serie per l’appunto speciali e alla fine, certo le condizioni di conservazione dello stesso esemplare specifico.

Il mondo del collezionismo detiene un leader assoluto, sopra ogni cosa, il mercato. Nel caso specifico il mercato può determinare la valutazione di qualsiasi esemplare seguendo una logica molto personale, per cosi dire. Le dinamiche che fanno il prezzo sono scandite dallo stesso cuore pulsante del collezionismo mondiale. Tutto quello che riguarda la moneta, tutto quello che comprende lo stesso contesto, ogni cosa, fa il prezzo, fa il valore.

Oggi, il web in qualche modo ha portato il collezionista ad avere la possibilità di approcciarsi con lo stesso contesto collezionistico in un modo assolutamente nuovo. Anche questo, oggi contribuisce a dinamiche nuove regole nuove, contesti e situazioni assolutamente impensabili soltanto pochi anni fa. Il collezionista o il semplice appassionato, oggi ha la possibilità di approcciarsi a milioni e milioni di pagine attraverso  la rete e scoprire immagini, descrizioni, illustrazioni di ogni tipo degli esemplari più apprezzati dai collezionisti e non solo.

Grazie al web il collezionista può approcciarsi allo stesso modo ad altri collezionisti in ogni parte del mondo, scambiare, pareri, opinioni, scambiare gli stessi esemplari in tutta sicurezza, quindi acquistare e vendere. Il collezionista oggi ha molte strade davanti a se per approfondire la propria passione, il web è di certo quella maestra. Al centro dei pensieri dei collezionisti di ogni parte del mondo, poi, troviamo spesso numerosi esemplari della vecchia lira. In questo caso specifico andremmo a comprendere il valore di uno specifico esemplare, un taglio, si potrebbe dire, storico.

Monete, il gioiello della vecchia lira: la 10 lire e la sua preziosa valutazione

10 lire Pegaso

Tra gli esemplari di moneta più suggestivi. Tra quelli che in qualche modo hanno saputo rappresentare al meglio epoche ben precise della nostra storia troviamo sicuramente quello da10 lire. Da 1946 in poi, se parliamo di epoca repubblicana, per intenderci, sono numerosi le serie coniate, tra queste possiamo considerare quelle che effettivamente hanno lasciato un segno non indifferente nei collezionisti di tutto il mondo. La versione Olivo, coniata ad esempio fino al 1950 e poi quella Spiga coniata nel 1947. Le due versioni, insieme a quella Pegaso rappresentano la sintesi perfetta del taglio specifico dal secondo dopoguerra in poi.

La versione citata del 1947 molto rara perchè coniata in soltanto 12mila esemplari può valere oggi tranquillamente intorno ai 3mila euro. In alcune occasioni, considerando anche le condizioni di conservazione e altri specifici elementi, il prezzo può arrivare tranquillamente anche a 4mila euro. Il tutto alle giuste condizioni per intenderci, ad esempio nella giusta asta. Le monete, ancora oggi, incantano milioni di donne e uomini in ogni parte del mondo. Per quell che riguarda la vecchia lira, forse c’è quel discreto fascino in più, lo dicono gli stessi collezionisti, lo dice il mercato.

Impostazioni privacy