INPS, settimana di fuoco: in arrivo tutti i pagamenti, le date

Novembre sta per terminare e con esso arrivano tutti i pagamenti dell’INPS per i vari sussidi forniti dallo stato per aiutare le famiglie in difficoltà.

Oltre ai sussidi ormai diventati comuni ogni mese, come il Reddito di Cittadinanza e l’Assegno Unico Universale, questo mese arriveranno anche il Bonus 150 euro e gli ultimi arretrati del bonus 200 euro di questa estate.

Inps
Eco di Milano

In un periodo complesso per molti italiani, con l’inflazione che sale e i prezzi dell’energia che fanno aumentare le bollette, questi sussidi diventano molto importanti per poter passare un inverno sereno. Di seguito si possono trovare tutte le date in cui l’INPS elargirà i suoi sussidi, in modo da poter gestire i propri risparmi fino ad allora.

Reddito di cittadinanza e bonus, le date delle ricariche

Per molti questa potrebbe essere una delle ultime ricariche del Reddito di Cittadinanza. Il governo infatti starebbe programmando un taglio netto del sussidio voluto dal Movimento 5 Stelle nel 2018 per ridirigere i fondi una riforma non strutturale delle pensioni. La modifica dovrebbe riguardare tutti i percettori in età da lavoro, ma si dovrebbe capire meglio l’entità del taglio una volta che verrà approvata la manovra finanziaria. Nel frattempo, la ricarica della RdC Card di novembre dovrebbe avvenire attorno al 27. Essendo questo giorno una domenica però, bisogna considerare un possibile piccolo discostamento da questa data. L’INPS dovrebbe ricaricare le Card tra il 26 e il 30 novembre.

Oltre al Reddito di Cittadinanza ci sono anche i bonus una tantum contro il caro inflazione da considerare. Novembre è infatti il mese del Bonus 150 euro, che i percettori del Reddito di Cittadinanza dovrebbero trovarsi nella propria RdC Card automaticamente alla data della ricarica. Mentre comincia ad arrivare il secondo bonus una tantum, c’è chi ancora deve ricevere il primo. Alcune persone infatti stanno ancora aspettando il Bonus 200 euro, che avrebbe dovuto essere elargito in estate. In particolare si tratta di coloro che ricevono la Naspi e di chi è impiegato con contratti co.co.co. Per i primi i pagamenti arriveranno tra il 15 novembre e la fine del mese, mentre per i secondi la data fissata è martedì 22 novembre.

INPS, quando arriva l’Assegno unico?

Negli ultimi mesi moltissime famiglie hanno iniziato a ricevere l’Assegno Unico Universale come supporto alle spese dovute ai figli a carico. È una norma voluta dal governo Draghi e che riassume tutti i vecchi bonus relativi ai figli, alle nascite e in generale al supporto alla natalità. Il vantaggio di questa norma è che rende il sussidio estremamente più semplice da ottenere rispetto alla costellazione di bonus che esisteva in precedenza.

I pagamenti dell’Assegno Unico dipenderanno dalla situazione della singola famiglia. La maggior parte delle persone dovrebbe riceverlo direttamente sul proprio conto corrente il 21 di novembre. Alcuni però potrebbero riceverlo quattro giorni più tardi, insieme agli arretrati del mese di ottobre. Chi invece riceve il Reddito di Cittadinanza percepirà l’Assegno Unico quando avverrà la ricarica della RdC Card, quindi tra il 26 de il 30 novembre.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Intanto il governo sta già lavorando ad una norma che cambi i parametri dell’Assegno Unico. L’obiettivo è quello di mettere il quoziente familiare al centro del calcolo della cifra che ogni famiglia riceve, in modo che siano le famiglie con più figli, e non quelle in generale più povere, a ricevere le cifre maggiori.