Pensione di reversibilità: quando spetta al 100% (e a chi)

La pensione di reversibilità è un trattamento riservato ai familiari del defunto. Ecco in quali casi si può ottenere al 100%

Viene riconosciuta solo a determinate condizioni e in percentuali differenti in base al numero dei figli a carico o della presenza di altri parenti.

Pensione di reversibilità
Fonte Adobe Stock

Tra i trattamenti economici riconosciuti ai familiari di una persona defunta c’è la pensione di reversibilità. Non si tratta di qualcosa di automatico, ciò avviene solo a patto che la persona venuta a mancare sia pensionata o assicurata (in questo caso si chiama pensione indiretta).

Inoltre viene riconosciuta in una quota percentuale e solo nel caso in cui la persona deceduta abbia perfezionato 15 anni di anzianità assicurativa e contributiva. Andando nello specifico, hanno diritto al trattamento il coniuge, il coniuge separato (a patto che sia titolare dell’assegno e che non si sia risposato), i figli minorenni, inabili, maggiorenni studenti a carico del genitore al momento del decesso.

Pensione di reversibilità: in quali circostanze si può ottenere al 100%

Quindi la pensione di reversibilità è pari a una quota percentuale della pensione che sarebbe spettata al pensionato defunto. Qualora si tratti solo del coniuge è pari al 60%, mentre con un figlio sale all’80%. Con due o più figli si può aspirare alla cifra piena.

Il discorso cambia quando ad avere diritto alla pensione siano solo i figli, o genitori o fratelli/sorelle. Ecco le percentuali nello specifico:

  • 1 figlio 70%
  • 2 figli 80%
  • 3 o più figli 100%
  • 1 genitore 15%
  • 2 genitori 30%
  • 1 fratello o sorella 15%
  • 2 fratelli o sorelle 30%

Il familiare superstite viene considerato a carico del pensionato defunto nel momento in cui lo stesso non sia autosufficiente economicamente. Maturano il diritto alla pensione i figli studenti, anche se svolgono un lavoro che dà loro un piccolo reddito. Tale importo deve superare il trattamento minimo annuo di pensione, secondo i parametri del Fondo Pensioni lavoratori dipendenti, maggiorato del  30%.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La richiesta per poter usufruire del beneficio va fatta all’INPS attraverso il servizio dedicato online, oppure tramite contact center o ancora affidandosi a un Patronato o agli intermediari dell’Istituto. Normalmente i tempi di lavorazione del provvedimento sono di circa 30 giorni, in base a quanto stabilito dalla legge numero 241/1900. Dunque, un’opportunità da cogliere al balzo qualora si goda dei requisiti necessari.