Bolletta, quanto consuma il modem? Tutti commettono lo stesso errore

Il modem è uno degli elettrodomestici che rimane sempre acceso nelle case italiane, ma quanto influisce sulla bolletta?

Inoltre in molti hanno preoccupazioni riguardo alla possibilità che il modem con router incorporato possa essere dannoso per la salute a causa delle emissioni di onde elettromagnetiche.

bolletta
Pixabay

Quindi conviene ed è salutare spegnere il modem di notte? In un periodo come quello che stiamo vivendo, di grandi rincari energetici, anche piccoli gesti possono alla lunga far risparmiare molti soldi. È quindi il caso di spegnere il proprio modem, per non lasciarlo in stand-by e inutilizzato per le lunghe ore notturne?

Modem, quanto impatta sulla bolletta

Molti italiani in questo periodo di crisi energetica stanno cercando di risparmiare attuando comportamenti virtuosi che taglino la bolletta. Una delle abitudini che abbiamo contratto in anni di bassi costi dell’energia è quella di lasciare in stand-by diversi apparecchi elettronici all’interno della nostra casa. Televisioni, forni a micro onde, computer fissi e portatili e infine proprio il modem. 

Uno degli ultimi elettrodomestici entrarti nelle case italiane, il modem nelle case del nostro Paese è sempre acceso, notte e giorno, in praticamente ogni famiglia. Questo porta di fatto a raddoppiare il consumo di energia che potenzialmente si potrebbe avere. I modem possono essere molto diversi, ma consumano all’incirca tra gli 8 W i 10 W all’ora. Un consumo che in un anno si attesta attorno tra i 52 kW/h e i 113 kW/h all’anno. Al momento, sul mercato libero, un kW/h è venduto tra gli 0,49 e gli 0,50 euro a seconda della fascia oraria.

Facendo una media a 0,50 euro al kW/h, e un consumo di 80 kW/h all’anno, un modem fa spendere all’anno circa 40 euro l’anno. Spegnendolo di notte questo costo si dimezzerebbe, facendo quindi risparmiare circa 20 euro. Una cifra non altissima, ma ogni famiglia può valutare se vale la pena, anche stando alla propria bolletta e al contratto stabilito, che potrebbe ridurre il costo dell’energia di notte. Spegnendo il modem di notte se ne dimezzano anche le ore di utilizzo, allungando la vita del dispositivo.

Modem e problemi di salute

In passato, quando la tecnologia del Wi-Fi stava cominciando a diffondersi, in molti avevano espresso preoccupazioni per gli effetti delle onde elettromagnetiche sull’organismo. Per questa ragione si potrebbe pensare che spegnere il modem di notte sia anche una scelta utile per conservare la propria salute. In verità studi approfonditi hanno dimostrato che le onde radio del Wi-Fi non hanno alcun effetto nocivo. 

Questo perché le regolamentazioni dell’Unione Europea sulle onde elettromagnetiche, così come quelle su molti altri aspetti che riguardano la salute dei propri cittadini, sono estremamente stringenti. Gli apparecchi diffusi in UE sono quindi sicuri, in particolare i modem non hanno alcun effetto dannoso per la salute anche se tenuti accesi per 24 ore al giorno. 

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’unica preoccupazione mai espressa da un ente internazionale riguardo le onde elettromagnetiche è quella dell’OSM riguardo ai cellulari. L’organizzazione mondiale della sanità ha infatti da tempo consigliato di non tenere gli apparecchi per troppo tempo attaccati all’orecchio, per non rischiare che le onde elettromagnetiche danneggino le cellule del cervello. Allo stesso modo non si dovrebbe lasciare per troppo tempo i bambini con apparecchi simili.