Conto corrente, i costi aumentano ma aprirne uno più economico è facilissimo: cosa fare

Da una ricerca si evince come cambiare banca può essere più conveniente rispetto ad utilizzare sempre la stessa.

Banca d’Italia in una recente ricerca ha evidenziato come il costo del conto corrente aumenta con il passare degli anni.

il conto che costa di meno
foto adobe

Dunque, essere fedeli con la propria banca non sempre è sinonimo di convenienza e di risparmio. Infatti, i conti correnti aperti in passato, potevano avere delle condizioni meno vantaggiose rispetto a quelli attivati oggi. Quindi, è opportuno per chi ha aperto il conto corrente in passato verificare se sul mercato ci sono delle condizioni migliori. In effetti, cambiare banca e conto corrente è un’operazione che richiede pochi minuti.

Come fare per cambiare conto corrente

Aprire un nuovo conto corrente è molto facile. Per farlo, è necessario individuare il nuovo istituto di credito, sarà poi stesso la nuova banca ad iniziare il processo, tra cui anche la chiusura del vecchio conto corrente. Ovviamente, è necessario restituire sia il libretto degli assegni che le carte di pagamento collegate al conto, come bancomat e carta di credito. Soprattutto per la carta di credito, è importante assicurarsi che non ci siano ancora pagamenti da corrispondere.

Entro quanto tempo è attivo il nuovo conto corrente

Il conto corrente è attivo sin da subito. La nuova banca rilascerà immediatamente  le coordinate bancarie e il nuovo Iban. E’ necessario comunicarlo al datore di lavoro, in modo che proceda con l’accredito dello stipendio. Stessa cosa vale per le finanziarie con cui si hanno dei prestiti attivi. E’ necessario che vengano a loro comunicate le nuove coordinate bancarie, in modo tale che le rate potranno essere pagate regolarmente.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Quanto costa chiudere il conto corrente

La chiusura di un conto corrente non costa nulla. Questo, grazie al decreto Bersani numero 223 del 2006. Dunque, non ci sono costi ulteriori per il cliente. La banca, al massimo, potrà chiedere le spese di gestione del conto corrente. Si tratta, dunque, di una soluzione facile da adottare e senza costi. Inoltre oggi tutti gli istituti di credito hanno efficienti sistemi di sicurezza, che permettono di gestire i propri risparmi con grande tranquillità. Quindi scegliere un conto corrente bancario in base al costo mensile da pagare può rivelarsi una scelta giusta e che permette anche di risparmiare.