Tasse, oggi il Fisco torna a lavorare: le scadenze da saldare per i cittadini

Il fisco ritorna dalle vacanze e adesso i contribuenti sono tenuti a saldare diverse tasse prima della fine del mese. 

Le vacanze sono finite anche per il fisco italiano.

A partire infatti dal 22 Agosto 2022, si attivano le scadenze fiscali che i contribuenti sono tenuti a saldare entro i termini previsti dalla legge. 

tasse irpef
Adobe Stock

Tasse, l’Agenzia delle Entrate comunica le nuove scadenze

L’Agenzia delle Entrate riparte dunque dopo la breve pausa che ogni anno ci si concede nel mese di agosto, e ricorda adesso ai cittadini le date fondamentali da segnarsi sul calendario. In tutto sono 179 gli appuntamenti fiscali. E già nella giornate di oggi, ci sono diverse scadenze che devono essere saldate, come, l’esterometro, che prevede la comunicazione dei dati riguardanti cessione dei beni e prestazioni di servizi per imprese e liberi professionisti.

Oggi 22 Agosto inoltre, è anche il termine ultimo per la presentazione della domanda di esenzione per gli over 75 per il pagamento del canone Rai. Nuove scadenze in arrivo anche per coloro che non risultano titolari di partita Iva, che in questo mese sono tenuti a pagare la seconda rata dell’acconto Irpef. Per quanto invece riguarda i titolari di partita Iva la scadenza di questi giorni riguarda il saldo della terza rata di acconto Irpef.

Il fisco torna al lavoro, saldo acconto Irpef: ecco chi dovrà pagarlo

Qualche chiarimento su quali categorie di cittadini sono tenute al momento al pagamento dell’Irpef risulta fondamentale. In primo luogo va ricordato che questa tassa va intesa come un’imposta sul reddito di singoli individui, a patto che risultino in possesso di determinati requisiti.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Bisogna infatti risultare titolari di redditi provenienti da fabbricati fondiari, da lavoro dipendente e subordinato, da lavoro autonomo e dalle altre forme di pressione professionale che sono indicate all’articolo 67 del testo unico sulle imposte sui redditi.