Diabete, una ricerca scopre un’attività che aiuta il nostro corpo con gli zuccheri

È uscita una nuova ricerca sul diabete su quali attività possono aiutare a tenere gli zuccheri sotto controllo.

Una nuova ricerca scientifica uscita nelle scorse settimane, ha permesso di scoprire ai ricercatori che esiste un’attività, che oltretutto occupa davvero poco tempo nell’arco di una giornata, che se ripetuta con regolarità, può portare chi soffre di diabete alcuni benefici che ne migliorano la qualità della vita.

diabete
Adobe Stock

E si tratta oltretutto di una pratica che possiamo tranquillamente definire millenaria. 

Diabete, ecco che cosa hanno dimostrato i ricercatori

Chi soffre di questa malattia infatti, può ottenere tantissimi vantaggi per la propria salute, semplicemente iniziando a camminare anche solo cinque minuti al giorno. Questi i risultati a cui è giunto un nuovo report scientifico pubblicato su SportMed, il cui scopo era quello di indagare il legame che esiste tra sedentarietà e glicemia.

Ciò che è venuta fuori da questa interessantissima ricerca, è che fare una passeggiata, anche solo di cinque minuti, nei venti-trenta minuti successivi a un pasto, aiuta in modo considerevole chi soffre di diabete a tenere sotto controllo i valori glicemici. 

Che tipo di malattia è il diabete?

Per chi non ne fosse a conoscenza, il diabete è una malattia che impedisce al nostro corpo di produrre i quantitativi di insulina che ci servono ogni giorno (oppure interferendo con il nuovo regolare smaltimento nell’organismo) , provocando così nei soggetti che ne soffrono, un continuo sovraccarico di zuccheri che non vengono trasformati dal nostro corpo.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

È una patologia molto seria nelle sue conseguenze e che cambia per sempre la vita di chi la contrae, e oltretutto non esiste un’età predefinita in cui può sorgere, per quanto la componente ereditaria abbia un’indubbia rilevanza.