Dopo la tempesta potrebbe arrivare il sereno per il prezzo dell’oro: qualcosa sta per cambiare

A giugno scorso, guardando al mercato statunitense, ovvero quello di maggiore riferimento, l’oro era ancora sceso e aveva fatto registrare un calo di oltre l′1% nell’ultima settimana del mese.

Questo perché la stabilità del “prezioso metallo giallo” era intaccata da un dollaro sempre più forte e da segnali di politica aggressiva da parte delle principali banche centrali, anche se incombono ancora oggi i timori di recessione.

lingotti oro
Adobe Stock

I futures sull’oro USA sono scesi dello 0,5% a $ 1.840,6. I futures sull’oro hanno chiuso in ribasso dell′1,86% da inizio settimana di luglio, registrando la seconda settimana negativa su tre.

L’oro spot è sceso dell′1,1% a $ 1.836,26 l’oncia.

Rendendo meno attraenti i lingotti a prezzo di biglietto verde, l’indice del dollaro è salito ancora, mentre anche i rendimenti dei Treasury decennali statunitensi di riferimento si sono rafforzati.

“Lo spettro di ulteriori rialzi dei tassi statunitensi in arrivo, dopo l’enorme aumento di 75 punti base della Fed questa settimana, dovrebbe limitare il rialzo a breve termine dei metalli preziosi”. Lo affermava Han Tan, capo analista di mercato di Exinity.

Le misure restrittive e aggressive da parte delle banche centrali di tutto il mondo per frenare l’inflazione, hanno di fatto danneggiato l’oro.

La Federal Reserve statunitense ha registrato il suo più grande aumento dei tassi di interesse dal 1994. Così come è avvenuto per la Banca Centrale Europea.

L’inflazione e le incertezze economiche sono generalmente favorevoli all’oro, ma tassi di interesse più elevati aumentano il costo opportunità di detenere lingotti non produttivi.

“La pressione degli aumenti dei tassi e del dollaro USA ha superato qualsiasi domanda da paradiso sicuro (a causa delle preoccupazioni sulla recessione)”, ha affermato Xiao Fu, analista della Bank of China International.

La mossa dell’oro è stata di recente strettamente collegata a quella del dollaro e dei rendimenti obbligazionari e, secondo gli analisti, ciò è avvenuto nonostante un contesto favorevole di incertezza economica globale e blocchi della Cina.

Nel frattempo, la domanda di oro fisico è rimasta tiepida nella Cina dei principali consumatori a causa delle restrizioni COVID-19.

Eppure, nonostante uno scenario a dir poco drammatico, qualcosa per l’oro potrebbe cambiare. 

Dopo aver toccato i minimi a oltre un anno, secondo gli esperti, ma si tratta di previsioni, potrebbero essersi create le giuste condizioni per il rialzo dell’oro.

Nelle prossime settimane, quindi, il metallo prezioso potrebbe riacquistare il suo ruolo di bene rifugio nei momenti di turbolenza sui mercati finanziari. Ruolo che aveva perso nelle settimane scorso e di cui avevamo già parlato.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news.


  1. Telegram - Gruppo base