Nuovi controlli fiscali dall’Agenzia delle Entrate, ecco chi rischia davvero

L’Agenzia delle Entrate ha deciso di disporre dei nuovi controlli antifrode relativi ai vari bonus istituiti negli ultimi anni da cui sono emerse situazioni di irregolarità

Sono stati istituiti anche nuovi indirizzi operativi, servizi smart e rimborsi più veloci. Tutto quel che c’è da sapere sulle novità introdotte dal Fisco.

Agenzia delle Entrate
Fonte Adobe Stock

L’Agenzia delle Entrate è sempre al lavoro alla ricerca di nuove soluzioni volte a favorire la collettività. Il Fisco infatti ha il compito di evitare azioni dannose da un punto di vista economica da parte dei contribuenti.

Ogni singola operazione di truffa, frode o evasione infatti reca danno a qualcuno e per questo è necessario mettere a disposizione dei cittadini onesti gli strumenti giusti per arginare potenziali situazioni scomode.

Agenzia delle Entrate: il dettaglio sui nuovi controlli antifrode bonus

In questa fase l’ADE ha promosso l’adempimento spontaneo, con l’incremento delle lettere di invito a mettersi in regola. L’attività di controllo sarà rivolta in particolare sulle frodi, attuate sia con l’utilizzo illegittimi dei crediti di imposta sia con l’accesso irregolare ai contribuiti a fondo perduto e ai ristori dispensati durante la pandemia.

A tal proposito sono previsti dei servizi più efficienti, dialogo online grazie ai quali l’Agenzia delle Entrate punta a migliorare l’assistenza ai cittadini e ad accelerare l’erogazione di rimborsi e contributi a fondo perduto, in modo tale da restituire la liquidità necessaria alla collettività.

La circolare che disciplina queste nuove introduzioni è stata firmata dal direttore del Fisco Ernesto Maria Ruffini. All’interno ci sono gli input con gli indirizzi operativi agli uffici. Grazie agli appuntamenti programmati in ufficio, alle videocall, dal telefono ai servizi via web, l’Agenzia delle Entrate intende garantire servizi più efficienti e dialogo online grazie ai nuovi strumenti messi in campo durante “l’era covid”.

Dunque servizi “smart” più efficienti per i cittadini e rimborsi più rapidi. Si può sintetizzare così questa nuova introduzione che ha come obiettivo principale quello di monitorare eventuali irregolarità relative ai bonus, di cui troppe persone hanno approfittato in maniera impropria. Non resta che vedere se questa nuova macchina di controllo avrà gli effetti sperati e se funzionerà in maniera adeguata.