Anziana uccisa in una cascina a Gratosoglio: i pm chiedono l’ergastolo per l’imputato

Risale a gennaio 2020 l’omicidio della 92enne Carla Quattri Bossi. L’anziana è stata ammazzata in una cascina a Gratosoglio da Dobrev Damian Borisov, bulgaro di 23 anni. Secondo quanto rivelato dalle indagini, il giovane, che faceva dei lavoretti in cascina in cambio di vitto e alloggio e che conosceva da anni la vittima essendo stato preso in affido dal di lei figlio, avrebbe commesso l’omicidio a seguito del rifiuto di un prestito in denaro, finendo la donna con un barattolo della marmellata.

Accusato di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà, Borisov vedrà il suo difensore parlare in aula il prossimo 13 luglio. Subito dopo arriverà la sentenza. Il procuratore aggiunto di Milano Pedio e il pm Prisco hanno chiesto per lui l’ergastolo, oltre a 4 mesi di isolamento durante le ore diurne. Secondo una perizia, al momento del delitto Borisov era capace di intendere e di volere.