Codice QR, c’è una nuova truffa che ti prosciuga il conto corrente: come evitarla

I codici QR, che abbiamo imparato bene a conoscere attraverso l’uso del Green Pass, nascondono in realtà una pericolosa truffa.

I codici QR sono stati creati per reindirizzare ad un sito specifico attraverso, appunto, un codice che viene scannerizzato dalla telecamera di un qualsiasi smartphone.

qr code
Adobe Stock

Alcuni malintenzionati, però, stanno utilizzando tale tecnologia per compiere un’incredibile truffa attraverso l’utilizzo proprio del codice QR che si trovano comunemente passeggiando per strada: ecco come funziona la truffa.

Truffa con codici QR, la nuova frontiera del cyber-crimine

I codici QR sono ormai sparsi in giro per le nostre città in ogni contesto. Troviamo i codici per il parcheggio, presso le sedi di istituzioni pubbliche, all’interno delle banche ecc. L’errore che più comunemente ricorre è quello di lasciarci invogliare nello scannerizzare qualsiasi codice QR troviamo in giro. I codici QR dei parcheggi a ore, ad esempio, possono nascondere una terribile truffa.

Non dobbiamo, infatti, pensare che siccome il codice QR si trova posto sulla colonnina del parchimetro, o nei pressi di una banca o un’istituzione pubblica, allora per forza di cose quel codice è stato inserito dal titolare del dispositivo.

Di recente è venuto a galla che diversi malintenzionati sostituivano i codici presenti in questi luoghi pubblici con adesivi con codici QR creati da loro. Questi codici reindirizzavano il malcapitato verso siti di piattaforme pericolosissime, in grado di accedere e rubare i nostri dati personali in pochi minuti. La truffa è talmente ben congegnata che anche il layout delle piattaforme truffaldine ricalca fedelmente quello dell’istituzione “originale”. In questo modo saremo facilmente portati ad inserire i nostri dati personali con maggiore tranquillità, cadendo a tutti gli effetti nella truffa.

Gli “antichi” metodi di truffa online, come quello ad esempio della mail con il link da cliccare, sono ormai diventati obsoleti e le persone di ogni età sono ormai pronte a questo tipo di truffe. Il codice QR, invece, è un’introduzione relativamente nuova nel contesto cittadino ed è facile cadere vittima di queste truffe anche solo per curiosità.